Blauwal e Nosiola: i tesori vinicoli di Cesconi

Oggi ti porto alla scoperta dell’Azienda Cesconi, una cantina che ho recentemente apprezzato molto e che propongo con orgoglio alla Trattoria Al Moraro, in abbinamento al nostro menu stagionale.

Amo scovare nuovi produttori e Cesconi è un esempio perfetto di come tradizione e innovazione possano convivere per creare vini unici e pregiati.

Situata a Pressano, a nord di Trento, questa realtà storica ha radici che risalgono al 1751 e un forte legame con il territorio. La famiglia Cesconi, con grande impegno, coltiva le colline trentine, consapevole che il vero artefice di un buon vino è il terreno, ricco di sostanze che ritroviamo poi nel calice.

Il Territorio e i Vigneti

I vigneti dell’azienda sono situati tra le colline di Pressano e la Valle dei Laghi, due zone che, sebbene vicine, offrono caratteristiche climatiche e geologiche molto diverse. Queste differenze contribuiscono a donare ai vini peculiarità uniche e distintive.

Blauwal Rosé Trentodoc

Il Blauwal Rosé Trentodoc è un metodo classico che nasce dall’assemblaggio di 70% uve Chardonnay e 30% Pinot Nero, coltivate sui terreni delle colline di Pressano ad altitudini comprese tra i 250 e i 500 metri. I terreni sedimentari di arenaria con strati gessosi conferiscono ai vini una piacevole sapidità e pienezza di gusto.

Le uve, provenienti da vigne con un’età media di 30 anni, sono vinificate separatamente con una pressatura soffice e una resa non superiore al 60%.

Dopo la fermentazione in acciaio inox e barriques, e un affinamento sui lieviti di 8 mesi, il vino rifermenta in bottiglia per ulteriori 30 mesi. Il risultato è un Extra Brut dal dosaggio basso, con soli 3 g/l di residuo zuccherino. Questo spumante si distingue per la sua complessità aromatica e la sua freschezza.

Amo particolarmente l’etichetta del Blauwal Rosé, raffigurante un capodoglio, che dona un tocco distintivo alla grafica del prodotto. Il colore rosa tenue ricorda il rosa antico, con un perlage molto fine ma persistente.

Al naso, è intenso con note di lampone, ciliegia e una nota fragrante di lievito, come un biscotto appena sfornato e una leggera crosta di pane. Al palato, è cremoso ed elegante, è ideale come aperitivo, perfetto per un menu a base di pesce e squisito con trota affumicata, baccalà alla vicentina e tagliolini al nero di seppia.

Blauwal Cuvée

Il Blauwal Cuvée è la cuvée aziendale, un blend di 93% Chardonnay, 4% Pinot Bianco e 3% Pinot Nero, provenienti da diversi vigneti della collina di Pressano. La composizione del blend include vini di riserva di annate precedenti, che apportano una complessità notevole senza appesantire il vino.

Dopo 36 mesi di affinamento sui lieviti, la cuvée è pronta per la sboccatura, effettuata in diverse fasi durante l’anno, portando l’affinamento totale a variare tra i 36 e i 40 mesi.

Con un dosaggio molto basso, questo Extra Brut mantiene intatte le qualità organolettiche del vino base. La Blauwal Cuvée si distingue per la sua struttura elegante e la sua finezza, caratteristiche derivanti dai suoli di arenaria e gesso su cui crescono le viti.

Il colore giallo ricco, intenso e carico, riflette la qualità delle uve. Al palato, è setoso e morbido, con un finale persistente. Questo vino è estremamente versatile, adatto a tutto pasto e perfetto anche per accompagnare piatti di carne come una tartare in estate.

Nosiola

La Nosiola, l’unica varietà autoctona bianca del Trentino è coltivata nei vigneti più alti a nord-est di Pressano, a circa 500 metri di altitudine. Questi vigneti, esposti a ovest e situati su terreni sciolti di Dolomia, beneficiano di un clima ben ventilato e soleggiato. Le viti, di circa 35 anni, sono allevate a pergola semplice.

La vinificazione prevede una macerazione parziale delle uve per 4-5 giorni, seguita da una fermentazione in acciaio inox e botti grandi di acacia, che aiutano a preservare il delicato bouquet del vino. L’affinamento sui lieviti per 9 mesi conferisce alla Nosiola una complessità e una sapidità inconfondibili.

Al naso, è molto fresca, grazie a un sentore di pompelmo ma anche a note di montagna e sambuco.

Non è particolarmente strutturata, il che consente una piacevole beva. La sua mineralità è pulita e fine. Questo vino si abbina perfettamente con le verdure di stagione come zucchine, melanzane, ortica e bruscandolo, permettendo di spaziare molto negli abbinamenti culinari.

Spero di averti ispirato nella scoperta di nuovi vini e abbinamenti culinari.

Se sei un’amante del buon vino e del buon cibo, segui VineMente e la Trattoria Al Moraro sui social media.